Informazione/ Risoluzione Strasburgo manterrà  riferimento Italia

Informazione/ Risoluzione Strasburgo manterrà  riferimento Italia

Bocciata proposta Ppe su libertà  di stampa nell’Ue

Bruxelles, 19 ott. (Apcom) – La risoluzione sulla libertà  di informazione che il Parlamento europeo voterà  durante la seduta in Plenaria di mercoledì prossimo, a Strasburgo, manterrà  il riferimento specifico alla situazione italiana. La Plenaria di Strasburgo ha infatti bocciato questa sera, all’inizio della sessione, la proposta del Ppe di sostituire al titolo attuale, “Libertà  di espressione in Italia e in altri Stati membri dell’Ue”, il titolo più generico “Libertà  di informazione nell’Ue”. La proposta dei popolari ha avuto 195 voti a favore, 231 voti contrari e 9 astensioni.

Due europarlamentari del Ppe avevano motivato la richiesta di eliminare il riferimento all’Italia dicendosi d’accordo sulla necessità  di dibattere della libertà  di espressione nell’Ue, ma contrari a fare esprimere l’Assemblea di Strasburgo su “una polemica politica nazionale”, e a impegnarla in una “crociata contro uno Stato membro”. Uno dei due, il tedesco Manfred Weber, ha anche ricordato la recente sentenza della Corte Costituzionale italiana, a dimostrazione della indipendenza delle istituzioni di controllo del Paese. Contro la proposta di eliminare il riferimento all’Italia si è espresso il socialista austriaco Hannes Swoboda, definendola “una farsa vergognosa”. “Se volete proteggere Berlusconi, ditelo chiaramente”, ha concluso Swoboda.

Il Ppe ha poi ritirato la proposta di tenere un secondo voto per cancellare dall’agenda di mercoledì la votazione in plenaria sulla Risoluzione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari