New media

21 ottobre 2009 | 14:56

ICT: AL VIA A MILANO 46ESIMA EDIZIONE DI SMAU

ICT: AL VIA A MILANO 46ESIMA EDIZIONE DI SMAU
(AGI) – Milano, 21 ott. – Con i suoi oltre 500 espositori, ha aperto i battenti questa mattina a Milano la 46esima edizione di Smau, l’esposizione internazionale dedicata all’innovazione nel campo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Un tema introdotto dalle autorita’ nella cerimonia di inaugurazione che ha visto l’intervento, tra gli altri, del presendete della Confcommercio, Carlo Sangalli, e del presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni. E’ stato il primo ad individuare nell’innovazione un caposaldo della ripresa economica, chiarendo la necessita’ che gli interventi siano diretto soprattutto “al mondo dei servizi che oggi valgono piu’ del 71% del Pil e generano oltre la meta’ dei consumi complessivi”, ma anche alla Pubblica Amministrazione “perche’ questo significa semplificare la vita dei cittadini e delle imprese, accrescerne la produttivita’, ridurre i costi della burocrazia”. Viceversa, secondo Sangalli, “identificare l’innovazione con un settore, quello manufatturiero, sarebbe sbagliato e controproducente per la stessa manifattura”. Il presidente della Regione Lombardia, invece, ha posto l’accento sull’impegno e sulle strategie dell’ente per sostenere l’innovazione: l’azione della Regione passa allora per 4 capisaldi, ovvero per l’obiettivo dell’eccellenza (nell’ottica del quale sono state riservate anche quest’anno specifiche risorse a favore dell’innovazione nel settore dell’industria e dell’artiginato; ma anche e’ stato individuato un nuovo potenziale distretto altamente tecnologico: quello aerospaziale), la tendenza a sviluppare le sinergie nazionali e internazionali, il sostegno alla ricerca a partire dall’universita’ e la volonta’ di assicurare il credito alle Pmi in considerazione del fatto che “la ricerca applicata e’ diventata molto onerosa”. Proprio riguardo quest’ultimo punto, Formigoni ha ricordato gli interventi di ingegneria finanziaria, tra i quali il ‘Made in Lombardy’ da 500 milioni di euro e il fondo Jeremie FESR da 20 milioni di euro che diventera’ operativo in questo mese. Un’attenzione particolare e’ stata dedicata dal presendete anche alle applicazioni tecnologiche sul territorio: l’obiettivo dell’intera copertura a banda larga, il nuovo piano della Giunta regionale per mettere a disposizione di tutti gli Enti locali a partire da oggi la casella di posta elettronica certificata, il servizio della Carta Regionale dei Servizi.