TV: MASI, APPROFONDIRE SE PENNETTA SKY HA EFFETTI DISTORSIVI MERCATO

TV: MASI, APPROFONDIRE SE PENNETTA SKY HA EFFETTI DISTORSIVI MERCATO
(ASCA) – Roma, 21 ott – ”Non e’ nostra intenzione ovviamente opporci a una apertura tecnologica sebbene limitata come quella della digital key ma accertare che il tutto avvenga senza effetti distorsivi del mercato e senza danneggiare la piattaforma gratuita digitale terrestre”. Cosi’, il direttore generale della Rai, Mauro Masi pone la questione della legalita’ della pennetta usb che Sky immettera’ sul mercato da dicembre, per consentire la visione dei canali in digitale terrestre con un unico telecomando, in audizione in commissione di Vigilanza.

TV: MASI, APPROFONDIRE SE PENNETTA SKY HA EFFETTI DISTORSIVI MERCATO (2)
(ASCA) – Roma, 21 ott – ”Merita un attento approfondimento, anche dal punto di vista legale e regolamentare – ha spiegato Masi -, l’eventuale immissione dei canali della piattaforma terrestre all’interno dell’Epg (la guida elettronica dei programmi) di Sky. Questa circostanza, di cui non si conoscono ancora le modalita’, potrebbe essere in conflitto con le disposizioni delle Autorita’ di garanzia che prevedono alcune limitazioni all’utilizzo da parte di Sky del sistema digitale terrestre. Quest’ultimo aspetto sara’ oggetto di approfondimento una volta che si conosceranno meglio appunto le modalita’ di immissione dei canali e delle relative informazioni”. ”Sono sicuro che se ci sono problematiche legali le valuteremo”, ha aggiunto il direttore generale della Rai tornando a definire la pennetta ”una bella e intelligente operazione commerciale. Chapeau per chi la fa”. ”Non credo – ha concluso – che il nostro competitore Sky faccia niente di illegale, ma e’ nostro dovere verificare”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi