CINEMA: REPORTER ‘CAMBIA’ PELLE CONTRO DISCRIMINAZIONE NERI

CINEMA: REPORTER ‘CAMBIA’ PELLE CONTRO DISCRIMINAZIONE NERI
ESCE OGGI IN SALE TEDESCHE FILM DOCUMENTARIO ‘NERO SU BIANCO’
BERLINO
(ANSA) – BERLINO, 22 OTT – Quattordici mesi nei panni di un emigrato somalo in viaggio in Germania per denunciare la discriminazione contro i neri: esce oggi nelle sale cinematografiche tedesche il film-documentario ‘Schawarz auf Weiss’ (‘Nero su Biancò), che dimostra secondo l’autore, il giornalista Guenter Wallraff, quanto sia ancora diffuso il razzismo nel Paese. Nel film, diretto da Pagonis Pagonakis, Wallraff diventa Kwami Ogonno, un emigrato somalo che sperimenta sulla propria pelle la dura realtà  di essere neri, anche nelle normali attività  della vita quotidiana, come andare al bar o affittare un appartamento. “Dopo quattordici mesi mi sono accorto quanto sia diffuso il razzismo nella vita di tutti i giorni”, ha commentato Wallraff all’emittente Deutsche Welle. “Non è solo la violenza che leggiamo sui giornali, è il razzismo quotidiano – ha proseguito -: è impossibile trovare un appartamento, un lavoro. Ti siedi a un bar e qualcuno ti dice ‘tu negro'”. Perfettamente truccato, inclusa la pelle rigorosamente nera e una capigliatura afro, Wallraff- Ogonno, armato anche di candid camera, racconta la ‘sua’ realtà  nel corso di un viaggio di 600 chilometri attraverso la Germania. Il documentario, però, ha già  suscitato la dura reazione di alcuni esponenti della comunità  nera tedesca, come il musicista e scrittore Noah Sow, secondo il quale il giornalista non può “acquisire l’esperienza dei neri da uomo bianco dipinto”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo