CINEMA:LA SFIDA DEL CINEMA NELLA TERRA DELLE MAFIE

CINEMA:LA SFIDA DEL CINEMA NELLA TERRA DELLE MAFIE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 23 OTT – Un camper, un telone bianco e un proiettore. E’ Cinemovel, la carovana di cinema itinerante contro la violenza delle mafie, che porta il cinema nelle terre dei boss. Così moderni saltimbanchi hanno portato il cinema nelle terre dei boss della mafia restituite alla legalità  da Mesagne a Polistena, da Corleone a Cinisi, ma anche Monreale, Castelvolturno e Nettuno. Da questo viaggio nasce il documentario ‘Libero Cinema in Libera Terra’, che sarà  proiettato domani alle 22 alla Casa del cinema a Roma; la proiezione fa parte di ‘MafieStop, la Notte Bianca di Contromafie’ organizzata da Libera, in concomitanza con gli Stati generali dell’antimafia a Roma da oggi al 25 ottobre). Il documentario nato da un’idea di Elisabetta Antognoni e Nello Ferrieri, racconta sotto forma di appunti per un film l’avventura di questo circo itinerante di cinema che durante l’estate scorsa, ha percorso il centro sud Italia portando il cinema nelle terre dei beni confiscati alle mafie e restituiti alla legalità . Il diario di viaggio è anche su www.cinemovel.tv.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo