Cinema/ Bondi: al via procedure per nuovo Direttore Generale

Cinema/ Bondi: al via procedure per nuovo Direttore Generale

“Mia intenzione scegliere tra professionalita’ interne Ministero”

Roma, 27 ott. (Apcom) – “Nel rinnovare le mie congratulazioni e gli auspici di buon lavoro al Dr. Gaetano Blandini per il suo nuovo incarico di direttore generale della Siae – dichiara il Ministro per i Beni e le Attività  Culturali, Sandro Bondi – rendo noto che sto per avviare tutte le procedure previste dall`ordinamento per individuare il nuovo Direttore Generale per il cinema”.”E` mia intenzione – prosegue il ministro – scegliere tra le professionalità  interne del Ministero, valutando con grande attenzione le competenze e l`esperienza professionale maturata in questo delicato settore”.

“Nel contempo d`intesa con Gianni Letta – prosegue la nota – comunico che sarà  istituto a Palazzo Chigi un tavolo di coordinamento che possa, coinvolgendo anche i parlamentari delle Commissioni Cultura dei due rami del Parlamento, i rappresentanti dell`industria e quelli degli autori, rilanciare e delineare le linee strategiche per passare da una legge di riordino ad una legge di sistema. Lo stesso tavolo dovrà  comunque riprendere e rilanciare la lotta contro la pirateria informatica che costituisce un grave nocumento per l`industria cinematografica e, più in generale, per la tutela del diritto d`autore e della proprietà  intellettuale”.

“A tale riguardo – dichiara poi il Ministro – nei prossimi giorni nominerò Consigliere per il cinema il prof. Mario La Torre che avrà  un ruolo importante per entrambe queste tematiche determinanti per il comparto e qualificanti per l`amministrazione. Chiederò al dr. Gaetano Blandini – conclude il Ministro – di poter continuare ad avvalerci della sua esperienza e competenza anche in questi gruppi di lavoro”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo