New media

27 ottobre 2009 | 19:45

ICT: ERICSSON, ‘CITTA’ NUOVA’ PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE

ICT: ERICSSON, ‘CITTA’ NUOVA’ PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE
(AGI) – Roma, 27 ott. – Ericsson presenta “Citta’ Nuova”, moderno sistema urbano dove la tecnologia e’ al servizio dell’individuo quale leva per l’evoluzione del Sistema Paese. L’occasione e’ stata offerta dall’XI Incontro Annuale di Ericsson, che quest’anno mette a confronto rappresentanti istituzionali ed industriali sul ruolo strategico dell’innovazione tecnologica in relazione alle esigenze dell’individuo, all’evoluzione della societa’ e al miglioramento della qualita’ della vita, in un’ottica di sviluppo sostenibile. “Internet e le tecnologie di comunicazione hanno cambiato per sempre il nostro modo di vivere, di lavorare e di socializzare; tali cambiamenti saranno sempre piu’ efficaci quando si radicheranno all’interno dei processi di una societa’”, ha dichiarato Cesare Avenia, Amministratore Delegato di Ericsson in Italia, che ha aggiunto: “Per questo, l’obiettivo e’ quello di mettere le basi per una ‘reingegnerizzazione’ comune della citta’ – prima dimensione del cambiamento – che attraverso la valorizzazione delle nuove tecnologie, rinnovi le infrastrutture e ridefinisca i processi, per fornire servizi nuovi a cittadini nuovi, migliorando la qualita’ della loro vita”. Un progetto la cui realizzazione richiede la necessita’ di fare sistema attraverso il contributo e l’integrazione di tutti gli attori coinvolti – cittadini, imprese, istituzioni ed enti regolatori – e la regia di un unico referente, il Governo, che definisca le regole, identifichi le priorita’ e predisponga un piano di sviluppo condiviso. Mentre ad imprese e pubblica amministrazione e’ richiesto di integrare le potenzialita’ offerte dalle nuove tecnologie all’interno della propria organizzazione e processi per concretizzare efficacemente il rinnovamento. “Per noi, conclude Avenia, la Citta’ Nuova e’ quella in cui a tutte le ricchezze culturali ereditate, si aggiungera’ l’utilizzo appropriato della tecnologia per la gestione delle risorse, dei bisogni dei cittadini e delle imprese in un’ottica di crescita sostenibile”. Basti pensare che in Italia si prevede gia’ nel 2010 che il 67% della popolazione vivra’ nelle citta’ e si prevede per il 2050 una crescita sostenuta fino all’80%. In quest’ottica l’ICT puo’ contribuire ad abbassare fino al 15-20% le emissioni di CO2.