Editoria

02 novembre 2009 | 13:52

Informazione/ Berlusconi: Non fermo cause a Unità  e Repubblica

Informazione/ Berlusconi: Non fermo cause a Unità  e Repubblica

“Ho dovere tutelare non la mia persona, ma l’istituzione”

Roma, 2 nov. (Apcom) – Silvio Berlusconi non rinuncerà  alle cause intentate contro Repubblica e Unità . E’ quanto il presidente del Consiglio ha confidato a Bruno Vespa nell’intervista per il suo libro ‘Donne di cuori’. “Ho il dovere di tutelare non la mia persona, ma l’istituzione che rappresento – ha detto il premier secondo l’anticipazione diffusa dall’ufficio stampa di Vespa – e che mi è stata assegnata dal voto di milioni di italiani.
Insultando me si insultano tutti loro, si insulta il loro voto, la loro volontà , la loro dignità . E non ho sporto querela. Mi sono rivolto, in modo direi quasi disarmato, ai giudici civili destinando da subito l’eventuale risarcimento del danno all’Istituto San Raffaele di Milano”.

A Vespa che gli chiede se Il Giornale di Vittorio Feltri gli dà  più soddisfazioni o più problemi e se non avrebbe preferito evitare il ‘caso Boffo’ (il direttore dell’Avvenire che si è dimesso dopo la pubblicazione di alcuni articoli che toccavano sue vicende personali), Berlusconi risponde: “Feltri è un giornalista certamente di centro destra, che assume però le sue posizioni in assoluta autonomia. E che è geloso di questa autonomia. Questo vale per il caso Boffo come per altri interventi del Giornale nel dibattito politico recente”.