Editoria

03 novembre 2009 | 15:22

TURCHIA: EDITORIA; FISSATO INCONTRO DOGAN-MINISTERO FINANZE

TURCHIA: EDITORIA; FISSATO INCONTRO DOGAN-MINISTERO FINANZE
ANKARA
(ANSA) – ANKARA, 3 NOV – Rappresentanti legali della Dogan Holding (Dmg), il maggiore gruppo editoriale della Turchia, si incontreranno il 24 novembre prossimo con responsabili del ministero delle Finanze per cercare di raggiungere un accordo circa una maxi multa da 2,5 miliardi di dollari comminata alla Dmg per asserita evasione fiscale. Lo riferiscono i media turchi. La multa, inflitta lo scorso 8 settembre, è relativa alle tasse che il gruppo che fa capo al magnate laico Aydin Dogan avrebbe dovuto pagare tra il 2005 e il 2007 per la pubblicità  televisiva. L’incontro dovrebbe porre fine alla lotta che da mesi contrappone Dogan al fisco e, indirettamente, al governo filo-islamico guidato dal primo ministro Tayyip Erdogan che vede nella Dmg un vero e proprio partito d’opposizione. E’ infatti opinione diffusa che la vicenda della maxi multa sia solo l’ultimo episodio della guerra in atto tra Dogan, la cui figlia é presidente della Confindustria locale, ed Erdogan a causa delle battaglie mediatiche e le inchieste sui finanziamenti illeciti del dossier Fener condotte dalla Dmg contro il Partito Giustizia e Sviluppo (Akp) guidato dal premier. Ai primi di ottobre la Dmg aveva raccolto garanzie per 4,8 miliardi di lire turche (3,24 miliardi di dollari) necessarie a far fronte alle richieste del fisco, nell’ultimo giorno utile per pagare la multa da 2,5 miliardi. Ma le garanzie non sono state ritenute idonee perché in esse sarebbero state incluse azioni che erano già  state sequestrate come parte di una precedente multa elevata nei confronti del gruppo. La penale era stata inflitta a causa di presunte irregolarità  avvenute durante la vendita del 25% delle azioni Dogan al gruppo editoriale tedesco Axel Springer per un importo di 375 milioni di euro.