Televisione

03 novembre 2009 | 17:47

ANNOZERO: LIOFREDI, SU PROGRAMMA ALTERNATIVO ATTENDO L’AZIENDA

ANNOZERO: LIOFREDI, SU PROGRAMMA ALTERNATIVO ATTENDO L’AZIENDA
(AGI) – Roma, 3 nov. – “Finora nessuna indicazione e’ arrivata dall’azienda, e quando la ricevero’ mi comportero’ di conseguenza. E’ un’indiscrezione che ho letto sui giornali, non sono ancora in grado di rispondere. E’ presto, ne sapro’ qualcosa forse al ritorno del direttore generale dagli Stati Uniti”. Cosi’ Massimo Liofredi, direttore di Raidue, nel corso dell’audizione di questo pomeriggio in commissione di Vigilanza Rai a proposito dell’ipotesi che presto sulla rete ci sara’ un programma in qualche misura ‘alternativo’ o ‘riequilibrativo’ rispetto ad ‘Annozero’, con la conduzione affidata a Maurizio Belpietro.

ANNOZERO: LIOFREDI, SU PROGRAMMA ALTERNATIVO ATTENDO AZIENDA (2)
(AGI) – Roma, 3 nov. – Liofredi e’ stato sollecitato sull’argomento da piu’ componenti la commissione di Vigilanza, a cominciare dallo stesso presidente Sergio Zavoli che in avvio di audizione aveva chiesto se il nuovo direttore della rete intendesse costruire un programma che in qualche modo si confronti con quello di Santoro. Poi c’erano stati Carra (Pd), Rao (Udc), Butti (Pdl), Sardelli (Mpa), Merlo (Pd), Gasparri (Pdl), Lainati (Pdl), che hanno richiamato la questione ‘Annozero’. C’e’ stato ad esempio Merlo che ha chiesto a Liofredi “un giudizio sincero” sulla trasmissione di Santoro, chiedendosi “come questa sia compatibile con Raidue e le linee programmatiche annunciate” dal neo direttore. L’esponente del Pd e vicepresidente della commissione si e’ anche chiesto se come per ‘Porta a Porta’, che e’ in qualche maniera “seguita dai dirigenti Rai”, nel senso che vi era un capostruttura ed oggi vicedirettore che se ne fa carico per la rete, lo stesso si possa dire per ‘Annozero’, ovvero “da chi e’ seguita?”. Sardelli ha parlato di “giornalismo militante di Santoro” e di Marco Travaglio che parla in trasmissione avendo posizioni molto nette verso una parte politica. Gasparri ha chiesto se in vista ci siano iniziative di Liofredi “che puntino ad assicurare alla rete un maggiore pluralismo” attraverso l’approfondimento giornalistico, e Lainati (altro vicepresidente della Vigilanza) ha sottolineato che da un programma alternativo ad ‘Annozero’ “ne trarrebbero giovamento i telespettatori”. Il direttore della rete ha risposto che quella e’ una trasmissione “gestita e sotto la diretta responsabilita’ di un direttore che e’ Santoro, e’ un progetto suo e del gruppo di lavoro che e’ con lui, che io rispetto, Santoro e’ un grande giornalista. E’ sotto la diretta responsabilita’ del direttore generale. Io mando in onda la sua trasmissione, non commento nulla di quello che fa, eseguo quello che l’azienda mi chiede. Un giorno forse il direttore generale mi dira’ di mandare in onda un altro programma e io rispondero’ come ho fatto per Santoro. Finora non ho ricevuto nessuna indicazione, e quando la ricevero’ mi comportero’ di conseguenza”