GIORNALISTI: FALLIMENTO I SICILIANI, EVITATI PIGNORAMENTI

GIORNALISTI: FALLIMENTO I SICILIANI, EVITATI PIGNORAMENTI
CATANIA
(ANSA) – CATANIA, 5 NOV – Pignoramento evitato per Claudio Fava e un gruppo di giornalisti de I Siciliani, tra i quali Graziella Proto, ex presidente del Cda, che nel giugno scorso avevano ricevuto la visita dell’ufficiale giudiziario per i debiti contratti dalla pubblicazione. La sottoscrizione avviata per il periodico fondato e diretto da Giuseppe Fava, ucciso dalla mafia il 5 gennaio del 1984, è andata buon fine: sono stati infatti raccolti i circa 90 mila euro chiesti dal Tribunale civile di Catania al quale avevano fatto ricorso i creditori. Lo rende noto Claudio Fava nella newsletter di Sinistra democratica “ringraziando tutti coloro che hanno scelto di darci una mano”. “Lo consideriamo non solo un gesto di amicizia ma un prezioso atto di militanza civile – aggiunge il figlio del giornalista assassinato da Cosa nostra – la memoria di Giuseppe Fava e del suo giornale è patrimonio di questo Paese: voi ci avete aiutato a custodirla”. Dopo l’assassinio, il figlio Claudio e alcuni redattori decisero di non abbandonare il progetto editoriale e per tre anni il quotidiano fu in edicola. La coraggiosa esperienza di denuncia dei cronisti siciliani si concluse nel 1987. I soldi serviranno a saldare le spese del giornale – carta e tipografia – e andranno agli eredi dei creditori, nel frattempo morti. Il resto servirà  a pagare le spese del giudizio fallimentare e gli interessi maturati.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari