GIORNALISTI: ISRAELE RIENTRA IN FED.INTERNAZIONALE, A MEDIARE LA FNSI

GIORNALISTI: ISRAELE RIENTRA IN FED.INTERNAZIONALE, A MEDIARE LA FNSI
(ASCA) – Roma, 5 nov – La Federazione nazionale dei giornalisti israeliani (NFIJ) rientra nella Federazione internazionale dei giornalisti (IFJ). A darne notizia una corrispondenza pubblicata dal Jerusalem Post. L’accordo raggiunto a Tel Aviv, alla presenza del segretario generale della stessa IFJ, Aidan White, e del segretario generale della Fnsi, Franco Siddi, pone fine ad un periodo di forti polemiche seguite alla espulsione dall’organizzazione internazionale di quella israeliana per una questione di quote non pagate. Una riunione del Comitato esecutivo dell’IFJ convocata a Bruxelles per il 14 novembre provvedera’ a ratificare le intese raggiunte che prevedono un ruolo appropriato a livello regionale ed internazionale per la reintegrata organizzazione dei giornalisti israeliani. Aidan White ha voluto ringraziare le organizzazioni dei giornalisti di Italia e Germania per il contributo recato nel rompere la situazione di blocco che si era verificata e, in particolare, il segretario della Fnsi, Franco Siddi, per ”il bisogno che ha avvertito di portare il suo apporto di buona volonta’ al tavolo”. Da parte sua Siddi, secondo quanto riporta il Jerusalem Post, ha definito semplicemente ”inconcepibile l’assenza del contributo dei giornalisti d’Israele alla Federazione internazionale. I media israeliani sono tra i piu’ indipendenti e liberi al mondo e le loro voci sono un elemento essenziale per l’IFJ”. I giornalisti israeliani hanno espresso, dal loro punto di vista, il profondo desiderio e l’esigenza professionale di strutturare una piu’ ampia cooperazione con i colleghi arabi e palestinesi in particolare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari