Editoria

05 novembre 2009 | 19:52

EDITORIA: CHIUDE DIARIO, ULTIMO NUMERO A DICEMBRE

EDITORIA: CHIUDE DIARIO, ULTIMO NUMERO A DICEMBRE
FORMENTON, RISORSE LIMITATE NON CONSENTONO DI ANDARE AVANTI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 5 NOV – Diario chiude. Il prossimo numero di dicembre sarà  l’ultimo, almeno nella tradizionale forma cartacea che lo ha contraddistinto in questi tredici anni. Ad annunciarlo è l’editore Luca Formenton in una nota che sarà  pubblicata nel numero in uscita domani. Si chiude l’esperienza avviata da Enrico Deaglio tredici anni fa, quando Diario fece la sua comparsa dapprima come supplemento dell’Unità , poi diventando una testata autonoma. Deaglio lasciò la direzione nel 2008. Al suo posto arrivò da Radio Popolare, Massimo Rebotti. “Quando abbiamo ripreso le pubblicazioni nel febbraio del 2008, prima ancora con Enrico Deaglio, ‘l’iniziatore del giornale come lui ama definirsi, e poi con Massimo Rebotti – scrive Formenton – ci eravamo dati due anni di tempo per verificare la possibilità  di continuare, rinnovando il progetto, e rimanere nel mondo della carta stampata. Voglio ringraziare il direttore e tutta la redazione per aver lavorato con passione e impegno, in un momento difficile per tutta l’informazione, alla realizzazione di un mensile che, per citare Massimo, raccontasse il piano inclinato su cui sta scivolando la società  italiana, confrontandolo con quello che succede altrove. Purtroppo il difficile momento economico e le risorse limitate non ci consentono di proseguire”. “Un ringraziamento particolare a tutti i lettori che ci sono rimasti fedeli in questi anni seguendoci nelle trasformazioni del giornale e sapendo che siamo sempre stati guidati da un principio: la verità  innanzitutto, nel dubbio un po’ a sinistra (motto del fondatore di Der Spiegel Rudolf Augstein, ndr) . Abbiamo alle spalle tredici anni di informazione, inchieste vecchio stile, una rete ampia di amici e collaboratori e un nome, Diario, che – conclude Formenton – è sinonimo di vero giornalismo. Una grande esperienza umana e affettiva che non andrà  dispersa”.