Editoria

09 novembre 2009 | 14:21

CINA: SI E’ DIMESSA DIRETTRICE STORICA RIVISTA INDIPENDENTE

CINA: SI E’ DIMESSA DIRETTRICE STORICA RIVISTA INDIPENDENTE
PECHINO
(ANSA) – PECHINO, 9 NOV – Hu Shuli, fondatrice e direttrice della rivista Caijing (Economia e Finanza), una delle voci più vivaci ed indipendenti della Cina, si è dimessa. Lo ha confermato all’ ANSA Zhang Lihui, responsabile delle pubbliche relazioni della rivista. In precedenza, si erano dimessi la direttrice commerciale Daphne Wu Chuanhui e una decina di dirigenti i del suo ufficio. In tutto il 70 dei cento degli impiegati commerciali ha abbandonato la rivista. Secondo voci non confermate, Hu Shuli e Daphne Wu potrebbero lanciare una loro rivista, della quale qualcuno ha anche ipotizzato il nome, “Caixin” (Nuova Economia). Possibile partner dell’operazione potrebbe essere l’imprenditore di Hong Kong Richard Li. Zhang Lihui ha affermato che Hu ha ricevuto l’offerta di una cattedra di comunicazioni di massa dall’Università  Zhongshan di Guangzhou (Cina del sud) e di non sapere se l’ex direttrice della rivista l’abbia accettata. All’origine della tempesta che ha travolto la popolare rivista, lo scontro tra la direttrice Hu e lo Stock Exchange Executive Council (organismo di controllo all’interno della Borsa cinese, Seec), proprietario ed editore della rivista. Hu aveva chiesto Seec di rinunciare alla maggioranza per fare spazio ad altri investitori. Il presidente del Seec, l’ex banchiere di Wall Street Wang Boming, aveva inoltre deciso di sottrarre a Caijing la maggior parte degli introiti pubblicitari (oltre 17 milioni di euro l’anno). Una politica che rema contro l’impegno di Hu di fornire al mercato finanziario cinese un’informazione degna di una stampa indipendente. Fondata nel 1998, Caijing è famosa per le sue inchieste su temi economici e sociali. Nel 2003, un reportage svelò i retroscena della febbre aviaria, mentre nel 2008 Hu ha sfidato la censura (e la prigione) per una lunga inchiesta sugli insider e le truffe alla Borsa di Shanghai.