TLC

12 novembre 2009 | 9:49

TLC: GRANDI MANOVRE PER IL 4G. IN NORVEGIA VIA ALLA SUPER-RETE LTE

TLC: GRANDI MANOVRE PER IL 4G. IN NORVEGIA VIA ALLA SUPER-RETE LTE
(ASCA-CORRIERE COM.) – Roma, 11 nov – Grandi manovre nel mercato delle reti 4G con l’accordo strappato dalla cinese Huawei per la costruzione della rete norvegese mobile di nuova generazione. Rete che sostituira’ quella realizzata da Ericssson e Nokia Siemens Network. Il piano – si realizzera’ in 5 anni, vale 175,4 miliardi di dollari: il piu’ vasto in Europa sul fronte del 4G – mette sotto una nuova luce Huawei, che si fa dunque strada anche nei mercati avanzati, ma soprattutto apre i giochi nei rapporti di forza fra player per la corsa all’Lte. Per l’intero rifacimento della rete mobile Telenor, nello specifico, oltre che a Huawei si affida a Starent Networks: la prima si occupera’ della parte radio, mentre la Starent lavorera’ sulla rete core. L’intero sistema sara’ trasformato in un network completamente Ip pronto per l’Lte. Altre aziende impegnate su questo fronte sono la scandinava TeliaSonera (con tecnologie Ericsson e Huawei), l’americana Verizon Wireless (con i partner tecnologici Alcatel-Lucent, Ericsson, Starent Networks) e la giapponese Ntt DoCoMo (insieme a Fujitsu, Ericsson, Nokia Siemens Network). Il progetto della Telenor e’ l’unico che non veda impegnata Ericsson. La compagnia svedese punta a essere uno dei grandi player che dominera’ il mercato Lte nonostante il contratto Huawei con Telenor sottolinei il buon posizionamento dei cinesi. Un altro big player nella partita potrebbe essere Alcatel-Lucent, come pure player piu’ piccoli (Zte o Nec). Ma il fatto che Telenor abbia scelto Starent Networks suggerisce, dicono gli analisti, un’altra possibilita’: Cisco Systems, che l’ha di recente acquisita. La Starent e’ specializzata in tecnologie infrastrutturali basate sul protocollo Ip sviluppate per aiutare i gestori e i carrier a realizzare reti Internet mobili. La Cisco e’ tradizionalmente considerata un fornitore di reti fisse, ma il takeover della Starent l’ha fatta entrare di diritto sul mercato mobile. Considerato che l’americana ha una disponibilita’ di cash di 35 miliardi di dollari e una lunga storia di acquisizioni, non stupirebbe che si imponesse presto come il prossimo big player sul mercato Lte.