D’ADDARIO: CASA EDITRICE, MEMORIE GIA’ CONSEGNATE

D’ADDARIO: CASA EDITRICE, MEMORIE GIA’ CONSEGNATE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 12 NOV – Patrizia D’Addario ha scritto le sue memorie, e una prima bozza del libro è stata appena consegnata all’editore Aliberti, che ha in programma di mandarle in libreria prima di Natale, ma – spiegano alla casa editrice – ancora manca, tra l’altro, il vaglio sostanziale dei legali che dovranno giudicare il contenuto e dare il via libera. Insomma, la bozza che c’é ora potrebbe poi essere profondamente modificata. Non c’é ancora nemmeno un titolo, perché in casa editrice sperano di trovarne uno migliore del provvisorio ‘Questa e’ la mia vità . “Tutto il resto sono pure illazioni”, dichiarano, a proposito di chi dice che vi saranno nuove sbobinature di registrazioni fatte dalla D’Addario. Certo è che l’intenzione dell’autrice – oltre a quella di dare particolari inediti sulla vicenda escort – è quella di raccontare la storia di una donna d’oggi, in risposta indiretta a quanto scritto su di lei o raccontato dai media.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari