RAI: AGCOM, VIA LIBERA DEFINITIVO A LINEE GUIDA CONTRATTO SERVIZIO

RAI: AGCOM, VIA LIBERA DEFINITIVO A LINEE GUIDA CONTRATTO SERVIZIO
(ASCA) – Roma, 12 nov – Si’ definitivo dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni alle linee guida del contratto di servizio 2010-2012 tra Rai e ministero dello Sviluppo economico (dipartimento delle Comunicazioni). Sulle linee guida, approvate oggi con il recepimento di alcune indicazioni del ministero, si svolgera’ ora il confronto tra la Rai e lo stesso ministero, per elaborare il nuovo contratto di servizio entro la fine dell’anno. Tra i capitoli – a quanto si apprende da fonti accreditate -, uno, ampio, e’ dedicato alla qualita’ dell’offerta televisiva, con la sollecitazione per la Rai a garantire standard elevati e il recupero di generi scomparsi con l’obiettivo di sganciare il servizio pubblico dalla cosiddetta ‘dittatura dell’Auditel’. E ancora: l’obbligo per la Rai di assicurare la neutralita’ tecnologica offrendo i propri servizi su tutte le piattaforme non a pagamento e a condizioni non discriminatorie, e quello di battere la strada dell’innovazione tecnologica. Il nuovo contratto si occupa poi anche della tutela dei minori. Sull’informazione invece – sempre a quanto si apprende – nulla di specifico, se non il ribadire la necessita’ del pluralismo nell’informazione, del contraddittorio e della trasparenza. A questo proposito, anche l’obbligo per viale Mazzini di dare evidenza alla parte dei programmi finanziati col canone. Rai e ministero si vedranno a partire dalla prossima settimana per elaborare un testo che, una volta licenziato, sara’ esaminato dalla commissione di Vigilanza per un parere obbligatorio ma non vincolante.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi