Pubblicita’: Sipra batte in testa anche Publitalia (MF)

17 Nov 2009 08:47 CEST Pubblicita’: Sipra batte in testa anche Publitalia (MF)

MILANO (MF-DJ)–Rai, attraverso la concessionaria di pubblicita’ Sipra, cerca di resistere alla crisi delle inserzioni e lavora per fronteggiare le politiche commerciali dei concorrenti Mediaset-Publitalia, La7-Cairo e Sky Italia. Un doppio obiettivo che vede coinvolto in prima persona Maurizio Braccialarghe, a.d. di Sipra, che alcune indiscrezioni vorrebbero in uscita nei prossimi mesi per far posto ad Antonio Martusciello, molto vicino a Silvio Berlusconi ed ex manager di Sipra e Publitalia.

In un’intervista a MF-Milano Finanza, Braccialarghe spiega che “nel nostro mondo se ne dicono tante…” e sottolinea come i dati Nielsen sulla raccolta pubblicitaria abbiano stimato “per Rai un minor introito pubblicitario di 215 milioni nei nove mesi, vale a dire 785 milioni contro i 1.000 dello stesso periodo 2008. Questo e’ un fatto. L’altro fatto e’ che Mediaset ha registrato una perdita addirittura maggiore: circa 232 milioni, vale a dire 1.950 milioni raccolti contro i precedenti 2.200”.

“La Rai -prosegue l’a.d.- opera nel mercato pubblicitario con vincoli di affollamento piu’ stringenti rispetto alle reti commerciali. Per ogni secondo di pubblicita’ trasmesso dalla Rai, le reti commerciali ne possono trasmettere ben 5. Avendo piu’ spazi a disposizione, le reti commerciali possono avere un posizionamento di prezzo inferiore che le favorisce quando un mercato debole e recessivo ricerca un costo piu’ contenuto. Senza considerare i vantaggi relativi alle campagne infragruppo”. red/vz

(END) Dow Jones Newswires

November 17, 2009 02:47 ET (07:47 GMT)

Copyright (c) 2009 MF-Dow Jones News Srl.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi