Scelte del mese

17 novembre 2009 | 13:06

I progetti Rai sul digitale e le linee guida dell’Agcom

È scattato il piano per portare dentro alla Rai le attività  di RaiSat, la società  dei canali tematici rifornitrice di Sky che dalla fine di luglio, con la rottura della partnership strategica tra Viale Mazzini e il gruppo News Corp, ha perso il minimo garantito di 50 milioni corrisposto dalla pay tv e la ragione primaria della sua attività . RaiSat sparirà  come società  e le sue attività  confluiranno in una nuova direzione. Della vecchia RaiSat rimane una piccola struttura come factory per realizzare ex canali satellitari YoYo, Premium, Extra, Cinema e Rai4, Rai Gulp, Rai5 (ex RaiSat Cinema) e Rai6 (ex RaiSat Extra) che saranno parte della nuova offerta digitale di Viale Mazzini. La nuova struttura dipenderà  direttamente dal direttore generale Mauro Masi che potrebbe designare alla direzione Lorenzo Vecchione, l’amministratore delegato uscente di RaiSat.
Rimangono fuori dalla nuova factory gli altri canali digitali che dipendono da direzioni giornalistiche come Rainews 24 e Sport Plus (che si sdoppierà  in Rai Sport 1 e 2), e Rai Storia realizzato in autonomia da Giovanni Minoli con la factory di Rai Educational.

L’articolo è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 400 – novembre 2009