Borsino dei direttori

17 novembre 2009 | 15:33

da condirettore a direttore di ‘Italia Oggi 7′

on quello più politico di Italia Oggi, di cui resta condirettore, ma quello molto più tecnico di Italia Oggi 7, il settimanale che il lunedì prende il posto del quotidiano.
Il nuovo cappello di direttore – in colophon piazzato sotto quello dell’onnipresente editore-direttore responsabile Paolo Panerai – assegnato a Marino Longoni suona soprattutto come un riconoscimento professionale di un giornalista parte del sistema nervoso centrale del gruppo. Perché in buona sostanza Longoni continuerà  a fare quello che faceva prima, curando soprattutto la sezione ‘Diritto e fisco’ del quotidiano; occupandosi degli instant book prodotti dal giornale (l’ultimo, il 26esimo dell’anno, sullo scudo fiscale); dirigendo il quindicinale sul diritto societario Nds e conducendo per Class Cnbc il telegiornale economico delle 22,40 e quei talk show che abbiano a che fare con il suo campo d’esperienza. Una quantità  d’impegni che la metà  basterebbe, e chissà  come fa Longoni a trovare il tempo per il suo hobby, che è la bici da corsa, una scoperta recente dopo aver praticato anni fa la corsa a piedi.
Nato a Giussano (Milano), 51 anni compiuti il 18 luglio, sposato, una figlia e un figlio (Consuelo ed Efrem) già  grandi, Longoni ha iniziato l’attività  giornalistica negli anni Ottanta al trisettimanale Il Cittadino di Monza e Brianza e al settimanale Il Resegone di Lecco. Il 1° maggio 1990 viene assunto a Italia Oggi come praticante. Laureato in giurisprudenza (un’altra laurea, in teologia, l’ha presa per suo piacere nel 2004), è messo subito a occuparsi di diritto e di fisco, che diventano ben presto la sua specializzazione: “È un campo che mi è subito piaciuto, più della cronaca che avevo provato nei periodici locali”, dice.

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 400, Novembre 2009)