Televisione

24 novembre 2009 | 16:18

RAI: MASI, RAPPORTO SANO CON POLITICA SE SI RISPETTANO REGOLE

RAI: MASI, RAPPORTO SANO CON POLITICA SE SI RISPETTANO REGOLE
(AGI) – Roma, 24 nov. – Il rapporto tra la Rai e la politica e’ sano “quando si rispettano le regole”, mentre invece “quando le regole non sono chiare, allora il rapporto muta”. Lo ha detto Mauro Masi, direttore generale della Rai, nel corso di un intervento fatto oggi al primo dei tre seminari promossi dalla commissione di Vigilanza sullo stato della tv in Italia e del ruolo del servizio pubblico. Masi rispondeva a una delle diverse sollecitazioni che sul tema della politica erano venute nel corso di precedenti interventi, in particolare dal presidente Zavoli, che sollecita da tempo un “passo indietro che la politica ha promesso di fare e ancora non fa” e dal vicepresidente Giorgio Merlo, il quale si e’ chiesto “cosa sarebbe una Rai che spezza definitivamente i rapporti con il Parlamento?” e aggiungendo che “in Italia il pluralismo e’ l’altra faccia della medaglia della lottizzazione”. Il tema del legame tra viale Mazzini e politica e’ stato sfiorato anche da Ettore Bernabei, secondo cui “la Rai non potra’ mai spezzare i suoi rapporti con la politica, anzi questa e’ una parte essenziale. E per fortuna sta finendo l’ubriacatura della non-politica, perche’ invece e’ la politica che ferma i disastri e rimedia”. E, anzi, per Bernabei serve avere “molti rapporti con la politica, con reciproco rispetto, per rilanciare il servizio pubblico”. A sua volta Giovanni Valentini, editorialista de La Repubblica, ha sostenuto che “la Rai non deve tagliare i rapporti con la politica ma correggere quelli esistenti”, rilevando che “oggi c’e’ un’informazione militante, propagandistica, che fa disinformazione sistematica sulle vicende che coinvolgono il presidente del Consiglio”.