RAI: STAMPA ROMANA, A FIANCO COLLEGHI RAINEWS24

RAI: STAMPA ROMANA, A FIANCO COLLEGHI RAINEWS24
ROMA
(ANSA) – ROMA, 26 NOV – L’associazione Stampa Romana si schiera “con convinzione a fianco dell’assemblea e del Cdr di Rainews24. E’ davvero incomprensibile come la Rai non valorizzi un canale che dovrebbe, soprattutto con l’avvento del digitale, essere il suo fiore all’occhiello. Chi più e meglio di Rainews24 si presta a rappresentare la missione del servizio pubblico negli scenari futuri della informazione radiotelevisiva”. “Nato come esperimento, il canale all-news della Rai – prosegue l’Assocazione – si è via via conquistato uno spazio importante, grazie soprattutto alla grande professionalità  dei sui giornalisti che, prima e meglio di altri, hanno saputo coniugare pluralismo dell’informazione e uso delle nuove tecnologie. Che tutto questo patrimonio vada disperso per insensatezza o incapacità  gestionale, sarebbe davvero un delitto. A meno che, negli scenari che si vanno delineando con l’avvento del digitale, non si debba far posto a un omologo canale, magari della concorrenza. Sarebbe il caso che l’Agcom, invece di occuparsi di deontologia giornalistica che non rientra nelle sue competenze, tenesse d’occhio attentamente ciò che accade nel mercato del digitale, dove ciò che si sta realizzando, non è che la riproposizione, aggravata dalla scarsità  di risorse, degli oligopoli che governavano l’etere analogico. L’Asr – conclude – si batterà  a fianco dei colleghi perché l’enorme potenziale costruito col loro lavoro non vada disperso o peggio subordinato a logiche e interessi che contrastano col pluralismo dell’informazione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi