TLC

27 novembre 2009 | 18:34

Tlc/ Agcom:In Italia in 2008 costo medio sms era di 3,5 centesimi

Tlc/ Agcom:In Italia in 2008 costo medio sms era di 3,5 centesimi
Ben al di sotto media Ue. 13,2 cent è prezzo massimo attuale

Roma, 27 nov. (Apcom) – Il tetto di 13,2 centesimi di euro al costo degli sms si riferisce al prezzo massimo attualmente praticato dagli operatori dato che, come risulta dall’indagine congiunta condotta da Agcom e Antitrust, quello medio era nel 2008 pari a 3,5 centesimi, cioè ben al di sotto delle media europea. E’ quanto si precisa in ambienti dell’Autorità  delle garanzie nelle comunicazioni con riferimento ad alcune cifre riferite alla situazione del mercato italiano dei “messaggini”.

All’Agcom fanno infatti notare che, come emerge dall’indagine conoscitiva condotta con il Garante della concorrenza, sul mercato sono oggi presenti un grandissimo numero di piani tariffari che offrono soluzioni nell’ambito delle quali il costo degli sms è molto basso, in qualche caso nullo. Queste si confrontano con piani tariffari base nei quali, al contrario, il costo degli sms è oggi pari a 15 centesimi, iva inclusa.

Ed è per tutelare i consumatori che scelgono questi piani – e sono la maggior parte, spesso quelli che sanno meno districarsi tra le vari offerte – che l’Autorità  è scesa in campo ottenendo dagli operatori l’impegno ad allineare il tetto massimo al costo degli sms a quello europeo, eliminando così il paradosso che inviare un sms da Parigi a Roma costasse meno di mandarne uno da Frosinone. Un effettivo risparmio, dunque, si fa rilevare all’Agcom, al quale si andrà  inoltre ad aggiungere quello derivante dalla possibilità  per tutti i consumatori di disporre per le chiamate di piani tariffari al secondo, grazie ai quali sarà  anche possibile sapere con certezza quanto si spende.