MEDIOLANUM: ANTITRUST, MULTA 200MILA EURO PER SPOT SCORRETTO

MEDIOLANUM: ANTITRUST, MULTA 200MILA EURO PER SPOT SCORRETTO
MILANO
(ANSA) – MILANO, 25 GEN – Multa da 200 mila euro per uno spot scorretto. E’ la sanzione deliberata dall’Antitrust ai danni della Banca Mediolanum di Ennio Doris che ha posto in essere una “pratica commerciale scorretta”. Il faro dell’autorità  presieduta da Antonio Catricalà  era stato acceso sulle attività  promozionali legate alla commercializzazione del conto corrente ‘Mediolanum freedom’. Gli spot, diffusi nel marzo del 2009 su Tv, radio, stampa e internet, omettevano una serie di indicazioni sui tassi riconosciuti. In particolare, il procedimento dell’Antitrust, si legge nel bollettino, ha riguardato il comportamento posto in essere da Banca Mediolanum consistente “nell’aver omesso, in alcuni degli spot pubblicitari trasmessi nel mese di marzo 2009, ogni indicazione relativa alla circostanza che il tasso creditore del 3% netto fino al 30 giugno 2009 si applicava solo sulle giacenze superiori a 12.000 euro”. Ancora, l’istituto ha “reso disponibili al consumatore con modalità  frammentarie e non sufficientemente chiare le informazioni relative a detto prodotto sui siti Internet” del gruppo. E infine Banca Mediolanum ha “dichiarato che il tasso di remunerazione reclamizzato si applicava alle giacenze sul conto corrente superiori alla soglia, rispettivamente, di 12.000 euro fino al 30 settembre 2009 e di 15.000 dal 1° ottobre 2009, laddove invece tale remunerazione si attiverebbe solo a condizione che il saldo risulti superiore, rispettivamente, a 14.000 euro fino al 30 settembre 2009 e 17.000 dal 1° ottobre 2009”.(ANSA).
XCP/ R64 S42 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro