TLC

29 gennaio 2010 | 16:46

Telecom I.: Romani, governo puo’ fare solo moral suasion

29 Jan 2010 12:31 CEST Telecom I.: Romani, governo puo’ fare solo moral suasion

MILANO (MF-DJ)–”Come governo non posso far finta che il problema non esista. Possiamo solo fare opera di moral suasion”.

Lo ha affermato il viceministro alle comunicazioni, Paolo Romani, a margine del convegno organizzato da Sky Tg24 e Almed dal titolo “Faccia a faccia, democrazia, par condicio”, riguardo alle possibilita’ di intervento dell’Esecutivo su un’eventuale integrazione tra Telecom I. e Telefonica.

Romani ha ribadito che “se una societa’ multinazionale, non italiana, acquisisce un’azienda italiana radicata in Italia, quell’azienda puo’ decidere prima o dopo di delocalizzare perche’ la testa non starebbe in Italia”. Il viceministro ha sottolineato pero’ che, nel caso di Telecom I., “la rete non puo’ essere delocalizzata perche’ e’ radicata nel nostro territorio, pero’ una governance non a maggioranza italiana, quindi nel caso di un’eventuale fusione o qualsivoglia altro meccanismo societario, puo’ decidere di investire di piu’ in altri paesi come il Brasile, l’Argentina o la Spagna. Il rischio quindi che venga impoverita la struttura italiana c’e’ ugualmente”.

Romani ha poi precisato che, come governo, “ci rivolgiamo in questo caso agli azionisti italiani (di Telecom I., ndr) che sono, guarda caso, Mediobanca e Intesa Sanpaolo, due istituzioni non estranee al Paese”. vz

(END) Dow Jones Newswires

January 29, 2010 06:31 ET (11:31 GMT)