Media: Romani, depositata in Senato proposta modifica par condicio

29 Jan 2010 14:21 CEST Media: Romani, depositata in Senato proposta modifica par condicio

MILANO (MF-DJ)–“Al Senato e’ stata depositata una proposta per cambiare la legge sulla par condicio che e’ illiberale e liberticida. E’ inammissibile che partiti grandi e piccoli abbiano lo stesso spazio. Bisogna introdurre il criterio della proporzionalita’, che per altro non abbiamo inventato noi, ma c’era gia’ nel 2006”.

Lo ha affermato Paolo Romani, vice-ministro alle Comunicazioni, in occasione di un convegno organizzato da SkyTg24 e Almed, annunciando questa nuova proposta depositata al Senato. Romani ha spiegato di augurarsi che si possa mettere in atto prima delle prossime elezioni politiche. La norma sulla par condicio e’ “illiberale perche’ non si puo’ fare campagna elettorale. Queste camicie di forza della comunicazione politica non consentono di far capire i programmi che ci sono e si mette il candidato dello 0,1% sullo stesso livello di un partito storicamente radicato. E’ liberticida perche’ toglie ai cittadini la sensazione di quello che e’ veramente la rappresentanza politica”.

Romani ha, inoltre, spiegato che “ai nuovi partiti bisgnorera’ garantire ovviamente un diritto di tribuna, cioe’ assicurargli rappresentanza e bisognera’ prevedere uno spazio secondo una certa percentuale suddivisa tra i partiti che potra’ essere di circa il 10%/20%”.

Il vice-ministro, infine, ha sottolineato che questo “e’ un meccanismo importante. Riteniamo che il protagonista principale non debba essere il Governo, ma il Parlamento. Di sicuro, comunque, il Governo fara’ la sua parte”. vz/fus valentina.zanotto@mfdowjones.it

(END) Dow Jones Newswires

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi