Cina/ Pechino accentua pressione censura su media

Apc-Cina/ Pechino accentua pressione censura su media
E vieta invio corrispondenti in luoghi sensibili

Pechino, 1 feb. (Ap) – La Cina ha cercato di accentuare il suo controllo sugli organi di stampa nel 2009, dando istruzioni affinché determinati fatti o argomenti non venissero seguiti dalla stampa.

Nel rapporto della Federazione dei giornalisti, con sede a Bruxelles, vengono indicati nello specifico 62 disposizioni inviate a media locali tra gennaio e novembre 2009. Fra i temi censurati figurano il 20esimo anniversario di Piazza Tiananmen e i disordini nello Xinjiang. Nelle 18 pagine del rapporto emerge la crescente pressione del governo centrale per controllare i contenuti e i commenti dei giornalisti locali e stranieri in Cina, a Hong Kong e Macau.

Ad esempio, è stato imposto ai media nazionali di non inviare giornalisti nel Sichuan in occasione dell’anniversario del terremoto, costato la vita a 90.000 persone. Ugualmente è stato loro vietato di inviare reporter nello Xinjiang, teatro di scontri etnici con gli uiguri. Per entrambi gli eventi è stato suggerito di utilizzare i lanci dell’agenzia stampa ufficiale Nuova Cina.

Fcs

011057 feb 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari