Apc-Tv/ Gentiloni: su web resta stretta grave, Romani ascolti Agcom

Passi avanti annunciati anche su cinema non sufficienti

Roma, 2 feb. (Apcom) – Resta la stretta sul web prevista dal decreto sulla Tv e il vice ministro Romani dovrebbe ascoltare i rilievi mossi dall’Agcom anziché criticare. Lo dice Paolo Gentiloni, responsabile comunicazioni del Pd.

“Le modifiche annunciate dal viceministro Romani al suo decreto non cambiano la gravità  della stretta prevista per internet.
Pur annunciando qualche passo avanti, seppur ancora insufficiente, su cinema e fiction, il viceministro alza i toni della polemica con Agcom. Ma invece di polemizzare – prosegue – il governo dovrebbe accogliere le critiche dell`Authority che ha definito le nuove regole per il web ‘un unicum nel mondo occidentale’. Mi auguro – conclude Gentiloni – che il confronto parlamentare induca il governo ad ascoltare il coro di voci critiche verso il decreto. E che non confermi il sospetto che tanta ostinazione sia volta a favorire interessi televisivi in competizione con internet”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi