OCCHIALI 3D: CODACONS, SERVONO CONTROLLI DA PARTE DEI NAS

OCCHIALI 3D: CODACONS, SERVONO CONTROLLI DA PARTE DEI NAS
(AGI) – Roma, 5 feb. – Il proliferare dei film in 3D in programmazione nelle sale italiane (Avatar, Up, A Christmas Carol, Piovono Polpette, solo per citare i piu’ recenti) ha portato il Codacons a segnalare ai NAS la possibile non conformita’ degli occhiali speciali per la visione di tali pellicole.
Si tratta di occhiali – spiega l’associazione – che vengono forniti nelle sale cinematografiche per poter godere della nuova tecnologia tridimensionale. Da una ricerca effettuata dal Codacons in quasi tutti i cinema italiani emerge tuttavia come tali occhiali non dispongano del marchio CE.
Come noto la marcatura “CE” (Conformita’ Europe’enne) non e’ un marchio di qualita’ o di origine, ma attesta semplicemente la conformita’ del prodotto ai requisiti essenziali di sicurezza, fissati dalle disposizioni comunitarie. L’assenza del rischio di un pericolo grave per i consumatori e’ garantita da tale marchio. La Comunita’ Europea ha definito una serie di norme sulla sicurezza dei prodotti per tutelare i consumatori, e la commercializzazione e immissione in consumo e’ consentita solo ai prodotti che rispettano tutti i requisiti normativi. Non solo. Sempre l’indagine dell’associazione rileva come nella busta in cui sono contenuti gli occhiali forniti da alcuni importanti catene cinematografiche, si legga chiaramente “Made in china” e le avvertenze sui pericoli connessi all’utilizzo degli stessi non siano riportate in lingua italiana.
Inoltre in moltissimi cinema gli occhiali vengono riciclati e passano da uno spettatore all’altro, con rischio elevatissimo legato alla possibilita’ che attraverso le lacrime cadute sui vetri si trasmettano anche gravi infezioni.
L’indagine del Codacons, da cui sono scaturiti gli accertamenti di queste ore dei Nas, e’ nata da tantissime mail pervenute all’associazione che denunciavano stanchezza agli occhi e senso di nausea da parte degli spettatori dopo alcune ore di visione.
L’associazione ricorda infine come gia’ in Gran Bretagna esperti del settore abbiano sollevato dubbi riguardo agli occhiali per la visione in 3D, sostenendo come questi possano provocare in molte persone, specie bambini, effetti collaterali quali affaticamento degli occhi, mal di testa, vertigini, ed effetto mal di mare. Tutti gli spettatori – continua il Codacons – che constatino che gli occhiali sono privi di marchio CE, che deve essere ben visibile sull’occhiale stesso, lo segnalino al blog www.carlorienzi.it: il Codacons infatti sta studiando una possibile class action per i danni alla salute e i rischi collegati alla commercializzazione di un prodotto privo dei requisiti di legge.(AGI) Bru

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari