GIORNALISTI:DEL BOCA,NOI QUARTO POTERE?CI RISPETTINO DI PIU’

GIORNALISTI:DEL BOCA,NOI QUARTO POTERE?CI RISPETTINO DI PIU’

(ANSA) – BARI, 5 FEB – “Dicono che siamo il quarto potere e

io non ci credo perché potere, in tanti anni di professione,

non ne ho visto. Ma devono imparare a rispettare il nostro

lavoro perché il nostro lavoro è la cartina di tornasole della

civiltà  e, senza scomodare parole troppo grosse, della

democrazia di un Paese”. Lo ha dichiarato all’ANSA il

presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti, Lorenzo Del

Boca, che oggi è a Bari per presentare la nuova collana di

testi sulla professione.

“La civiltà  e la democrazia di un Paese – ha ricordato –

sono due beni, in qualche modo sovrapponibili, che andrebbero

maneggiati con cura e se questa cosa dipende dai giornalisti,

bastonare il giornalista significa in fondo bastonare la propria

civiltà  e la propria democrazia. Di questo dovrebbero rendersi

conto un po’ tutti”.

Per Del Boca, “se il giornalista fa il giornalista

seriamente, dà  fastidio al potere, qualunque esso sia; se una

notizia non dà  fastidio a nessuno, non è una notizia. Per

questo – ha proseguito – la Costituzione protegge il lavoro del

giornalista e c’é una serie di guarentigie che gli consentono

di fare la voce dell’opinione pubblica. Ma proprio perché

questo dà  fastidio, qualcuno finisce per dire ‘perche’ non la

imbavagliamo del tutto o per lo meno metà ?’. “E’ la dialettica

costante che c’é tra il mondo dell’informazione e il mondo

delle nostre fonti. Occorre – ha concluso – che il giornalista

sia consapevole della propria professione e sappia resistere”.

(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari