CINA: GOOGLE CHIEDE CHIUSURA DI SITO CLONE

CINA: GOOGLE CHIEDE CHIUSURA DI SITO CLONE

(ANSA) – SHANGHAI, 9 FEB – I legali del motore di ricerca

americano Google hanno chiesto la chiusura di un motore di

ricerca che opera con il logo della compagnia americana. Lo

riporta il quotidiano Shenzen Economic Daily. Gli avvocati di

Google, hanno inviato una lettera ai gestori del sito Goojje,

realizzato poco più di un mese fa da un gruppo di studenti

universitari cinesi, dopo l’annuncio che Google potrebbe

lasciare la Cina perché non vuole più sottomettersi alla

censura del governo di Pechino.

Il portale era nato con l’intento di convincere Google a

rimanere e si presenta come una “piattaforma di libertà ” ,

come è scritto nella presentazione del portale. Il sito cinese,

che si sta sempre più ingrandendo, gioca con il nome del motore

di ricerca americano usando stesso stile e stessi colori. Il

cinese la pronuncia del suffisso ‘gle’ di Google, ricorda il

termine “fratello”, mentre il suffisso “jje” pronunciato

‘jie’, significa sorella in cinese. E quelli di Goojje non la

mandano a dire ai “fratelli maggiori” americani. Oggi sul sito

cinese è apparsa la scritta “il fratello è ancora

ossessionato dalla sorella”.

Uno dei fondatori del portale, identificatosi al quotidiano

cinese come Xiao Xuan, ha smentito che il suo portale violi il

copyright di Google, spiegando che il loro è un logo autentico.

Goojje, nelle intenzioni dei suoi sviluppatori, non vuole

fermarsi, anzi, ha cominciato una campagna di assunzioni tramite

il portale. Per ora, l’unica cosa che hanno fatto i cinesi è

rendere invisibile l’indirizzo www.goojje.com, ma il portale è

comunque raggiungibile per re-indirizzamento da un altro sito

quando si digita il vecchio indirizzo sui browser. (ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi