PAR CONDICIO: ORDINE GIORNALISTI, VIGILANZA RIVEDA DECISIONE

PAR CONDICIO: ORDINE GIORNALISTI, VIGILANZA RIVEDA DECISIONE

SI’ A REGOLE, NO A CANCELLAZIONE PROGRAMMI

(ANSA) – ROMA, 10 FEB – “L’informazione come la libera

manifestazione del pensiero è un diritto fondamentale del

cittadino garantito dalla Costituzione. Pretendere di oscurare i

talk show della Rai perché non si riesce a trovare un modo per

regolamentarli in periodo di campagna elettorale è un atto

grave verso il servizio pubblico e i suoi utenti”. E’ uno dei

passaggi dell’ordine del giorno (primi firmatari Alberto

Vitucci, Carlo Verna, Michele Partipilo, Marzio Quaglino, Pino

Bruno), approvato oggi dall’Ordine nazionale dei giornalisti

riunito a Roma.

“Non si risponde così – prosegue l’odg – a un’esigenza di

equa rappresentazione di tutte le opinioni in campo, finendo

invece per rinunciare ad ogni serio tentativo di garantire

un’effettiva par condicio e il rispetto delle regole”.

Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti chiede

quindi “a tutela della dignità  professionale degli iscritti

che la commissione parlamentare di Vigilanza riesamini la sua

decisione offrendo così ai cittadini la possibilità  di essere

informati per capire e scegliere in maniera consapevole”.

(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi