RAI/PAR CONDICIO: ADRAI, AZIENDA IMPEDISCA APPLICAZIONE REGOLAMENTO

RAI/PAR CONDICIO: ADRAI, AZIENDA IMPEDISCA APPLICAZIONE REGOLAMENTO

(ASCA) – Roma, 11 feb – L’Adrai (l’associazione dei dirigenti Rai) esprime forte preoccupazione per il Regolamento emanato dalla Commissione di Vigilanza in merito alla campagna elettorale per le prossime Elezioni Regionali, con particolare riferimento alla disciplina dei 30 giorni precedenti alla data della consultazione. Cio’ significa che, di fatto, per un intero mese la programmazione informativa piu’ importante e seguita della Rai dovra’ essere sacrificata alle Tribune Politiche, su tutte le tre Reti, in pieno periodo di garanzia: un vero colpo al cuore per il servizio pubblico. L’Adrai, atteso che il Regolamento in esame pregiudica gravemente le potenzialita’ di ricavo della Rai per un significativo lasso di tempo, favorisce in maniera evidente Mediaset e gli altri competitori in ambito pubblicitario, aggiunge che cio’ avviene in palese contrasto con la legge cd sulla par condicio, che espressamente esclude dalle regole delle Tribune Politiche i programmi di approfondimento informativo (L. 22.2.2000, n. 28, art. 2) . L’Adrai, dunque, invita l’Azienda a porre in essere tutte le azioni idonee ad impedire l’applicazione del regolamento medesimo e la Commissione di Vigilanza a rivedere la sua posizione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi