Tlc: Romani, su avvio progetto rete pesa anche emergenza lavoro

11 Feb 2010 14:31 CEST Tlc: Romani, su avvio progetto rete pesa anche emergenza lavoro

ROMA (MF-DJ)–“E’ inevitabile che prima o poi bisognera’ fare un progetto” per lo sviluppo della rete di nuova generazione, con la previsione di una societa’ della rete, ma sull’avvio del piano, in questa fase, pesa anche l’emergenza occupazione in molte imprese di telecomunicazioni.

Ad affermarlo e’ il vice ministro dello Sviluppo Economico con delega alle Comunicazioni, Paolo Romani. “Stiamo lavorando e il primo step e’ il superamento del digital divide, su cui stiamo intervenendo” ha detto Romani, aggiungendo che “il secondo step sara’ poi il collegamento dei distretti industriali”.

Sui tempi di avvio e di realizzazione del progetto banda larga, Romani preferisce non dare indicazioni precise, anche perche’ per il Governo “l’emergenza ora e’ garantire l’occupazione, si pensi alle situazioni di Alcatel, Nokia o Italtel. Anche questo pesa, alla fine stiamo parlando di posti di lavoro”. A chi gli chiedeva quali sviluppi del piano banda larga si aspettasse da qui a fine della legislatura, Romani ha risposto dicendo che “manca ancora molto tempo, saremo molto avanti”. ren carlo.renda@mfdowjones.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi