RAI/PAR CONDICIO: RAO (UDC), OK APERTURA MAGGIORANZA E UNANIMITA’ CDA

RAI/PAR CONDICIO: RAO (UDC), OK APERTURA MAGGIORANZA E UNANIMITA’ CDA

(ASCA) – Roma, 16 feb – ”Oggi ci sono state due novita’ significative, ottenute anche grazie alla proficua mediazione del Presidente Zavoli: la disponibilita’ della maggioranza a reinterpretare alcune norme controverse del regolamento sulla par condicio e il comunicato unanime del Cda Rai, che sottolinea come il regolamento penalizzi fortemente l’azienda del servizio pubblico radiotelevisivo, rispetto alla concorrenza in termini di ascolti e ricavi pubblicitari”. E’ quanto sostiene, in una nota, il capogruppo dell’Udc in Commissione di Vigilanza Rai, Roberto Rao. ”L’Udc -aggiunge Rao- mantiene tutte le sue perplessita’ sul nuovo regolamento che, se applicato alla lettera, rappresenterebbe una clava per stordire l’informazione nel mese che precede il voto, con danni imprevedibili, non solo per l’opposizione. E siamo lieti che il centrodestra se ne sia reso conto”. ”Quello che ancora ci divide -prosegue Rao- e’ la valutazione della legge sulla par condicio. Mentre per noi resta un punto fermo di garanzia del pluralismo e dell’equilibrio informativo in campagna elettorale, le recenti dichiarazioni del Presidente del Consiglio svelano il vero obiettivo che il centrodestra si era prefisso di raggiungere con il varo di questo regolamento: rendere indigeribile il prodotto della par condicio per poi abolire la legge. Ma su questo ci scontreremo dopo le elezioni”. ”Sul regolamento, invece -conclude Rao- se prevarranno la ragionevolezza e il senso di responsabilita’ di maggioranza e opposizione, nel rispetto delle regole, sono certo che nelle prossime ore potremo arrivare a una soluzione condivisa nell’interesse della Rai e soprattutto degli italiani, che hanno diritto a una corretta informazione elettorale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi