Rainews 24 affida 5 giorni di sciopero al Cdr

Rainews 24 affida 5 giorni di sciopero al Cdr

Assemblea redazioni: emergenze si aggravano, vertici non scelgono.

Roma, 17 feb. (Apcom) – L’Assemblea di redazione di Rainews24 ha affidato al Cdr un pacchetto di 5 giorni di sciopero. La decisione, informa una nota, arriva dopo mesi di vertenza sindacale che non ha portato ad alcuna risposta da parte della Rai alle diverse richieste avanzate per consentire a Rainews24 di continuare a essere competitiva sulla piattaforma digitale terrestre e ad assolvere al meglio il proprio ruolo di all-news del servizio pubblico rediotelevisivo. Anche il presidente della Commissione di Vigilanza, Sergio Zavoli, ha parlato di un “grave danno” per la testata provocato dalle mancate scelte dei vertici aziendali.  Le emergenze di Rainews24 si aggravano: la struttura organizzativa è incompleta, ci viene negato il via libera per la costruzione del nuovo studio televisivo e il ripristino condizioni igienico-ambientali vivibili, ci viene ulteriormente ridotto il budget. Infine a tutto questo si aggiunge ora anche l’evidente inefficienza del nuovo server digitale Sonaps, a tre anni dall’acquisto e a meno un anno dalla messa in esercizio, del quale la Rai aveva ampiamente garantito la funzionalità .  L’assemblea chiede ai vertici aziendali spiegazioni sui criteri dell’acquisto, su cosa si intenda fare per rendere il nuovo sistema pienamente operativo, anche alla luce di una diversa scelta per la digitalizzazione del Tg2. La redazione si riserva di organizzare incontri pubblici con la stampa e altre iniziative per spiegare le ragioni della protesta.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci