TLC: RICCARDI (FVG), NEL 2011 CABLATI COMUNI, NEL 2013 DISTRETTI

TLC: RICCARDI (FVG), NEL 2011 CABLATI COMUNI, NEL 2013 DISTRETTI
(AGI) – Udine, 19 feb. – La Regione FVG ha definito con il programma Ermes le azioni dirette alla realizzazione ed estensione della rete di banda larga all’intero territorio regionale in modo da consentire a tutti gli utenti, istituzioni, pubbliche amministrazioni, zone industriali, imprese e cittadini di poter utilizzare le piu’ avanzate tecnologie di connessione ad internet assicurando affidabilita’ e capacita’ di collegamento. Il programma che si articola in due direttrici – la realizzazione dell’infrastruttura di dorsale ed il coinvolgimento degli operatori delle telecomunicazioni nella costruzione e gestione delle connessioni dell’ultimo miglio – e’ stato oggetto di un convegno a palazzo Torriani cui hanno preso parte l’assessore regionale alla Mobilita’ e alle Infrastrutture di Trasporto, Riccardo Riccardi e, per Confindustria Udine, il presidente Adriano Luci e il capogruppo del Gruppo Telecomunicazione e Informatica, Luigi Gregori. L’occasione e’ stata propizia per fare il punto della situazione sullo stato di attuazione del programma di realizzazione della banda larga a livello regionale e della relativa tempistica. ”Vanno messi al bando burocrazie e titubanze – ha detto Luci -, nella consapevolezza che la banda larga e’ un investimento essenziale per la nostra Regione. Sarebbe un errore strategico dilatarne la fasi realizzative. Gia’ nel passaggio da Mercurio ad Insiel i tempi si sono inevitabilmente allungati. Diventa importante riuscire a recuperarli”. Il presidente ha concluso il suo intervento ribadendo come anche in questo caso ”conta il fare, non l’annunciare. L’assessore Riccardi e’ condannato a ”fare”. Su questa linea non potremo che essere al suo fianco”. L’assessore Riccardi ha assicurato che il piano Ermes sta procedendo nel rispetto degli obiettivi prefissati gia’ nella scorsa legislatura: nel 2011 verranno cablate le amministrazioni comunali, nel 2013 i distretti industriali. Rivedere l’ordine cronologico’? ”In linea di principio – ha risposto l’assessore regionale – sarei anche d’accordo, memore del principio che animo’ la ricostruzione post-terremoto: ”prima le fabbriche, poi le case”. Allo stato pratico, invece, il programma va rispettato cosi’ come originariamente concepito. Non e’ possibile a meta’ di un percorso smontare tutto, mettendo a rischio l’esito finale. Siamo i primi a condividere l’obiettivo di abbattere il divario digitale, ma non possiamo stravolgere le procedure. Dobbiamo solo impegnarci a fare le cose nel miglior modo e piu’ velocemente possibile”. Riccardi ha dato infine la piena disponibilita’ della Regione a confrontarsi con le associazioni di categoria per studiare assieme tutte le soluzioni che possono portare, nel rispetto delle regole gia’ fissate, ad un miglioramento del programma Ermes. (AGI) Cli/Ts

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci