INTERNET: FORUM FAMIGLIE, NON SOTTOVALUTARE IDIOZIE SU WEB

INTERNET: FORUM FAMIGLIE, NON SOTTOVALUTARE IDIOZIE SU WEB
(ASCA) – Roma, 22 feb – ”E’ impossibile restare in silenzio davanti alla violenza contro le persone con sindrome di Down emersa nel gruppo su Facebook”, commenta Franceco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari, secondo il quale anche se ”molte voci si sono alzate, indignate”, si tratta ”di un segnale di allarme che non deve essere banalizzato ne’ sottovalutato: e’ vero che sulla rete circola tutto e il contrario di tutto, ma proprio per questo non e’ tollerabile che il disprezzo della dignita’ della persona umana si esprima senza conseguenze: non sono ragazzate, non sono atti goliardici: sono parole indegne di un Paese civile, che non hanno alcun diritto di cittadinanza”. ”Richiediamo anche con forza, anzi, pretendiamo – prosegue – interventi rapidi ed efficaci da parte dei pubblici poteri: chiudere le pagine su Facebook, perseguire i responsabili, costruire meccanismi piu’ efficaci di vigilanza sulla rete e su tutti i mezzi di comunicazione, per impedire che le persone piu’ fragili e indifese vengano ulteriormente violate”. ”Apprezziamo in questo senso la tempestivita’ del ministro Carfagna, che subito ha preso pubblica posizione, adempiendo correttamente ad una responsabilita’ istituzionale” conclude Belletti: ”Lasciamo da parte le strumentalizzazioni da campagna elettorale; qui si tratta di combattere senza se e senza ma la barbarie della societa’ contemporanea, che permette di usare in televisione la parola ‘mongoloide’ come un insulto, che fa intravedere un ritorno dell’eugenetica, che non riesce piu’ a rispettare la dignita’ di ogni vita per quella che e’: un dono per tutti

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi