Alitalia, un sistema per comunicare

Non solo una compagnia aerea rivitalizzata quando tutti l’avevano data già  per defunta (nel 2009 ha staccato 22 milioni di biglietti e per l’anno in corso è prevista una crescita del 10%), ma anche un vettore di comunicazione. È questo il progetto che ha per Alitalia Clemente Senni, direttore della comunicazione e delle relazioni esterne. L’ambizione è quella di far diventare Alitalia uno strumento per valorizzare l’eccellenza del made in Italy nel mondo. Si è calcolato che il viaggiatore, dal momento in cui compra il biglietto all’arrivo, è esposto all’acquisto di ben 150 prodotti, rendendolo quindi un target molto interessante per le aziende.
Anche l’informazione vera e propria viene guardata con molto interesse dai vertici della compagnia aerea. Un accordo con l’agenzia Agi permette ora ai primi trenta aerei Alitalia e AirOne di aggiornare i passeggeri con un notiziario che appare sui video utilizzando il sistema Acars che fino a oggi ha garantito il flusso costante di dati tra pilota e terra. L’innovazione – a costo zero se si eccettua il nuovo software – rompe così l’isolamento a cui è costretto il viaggiatore durante le ore di volo.
“Per questo servizio”, dice Giuliano De Risi, direttore di Agi, “abbiamo dovuto modificare il linguaggio del notiziario predisposto pensando a una titolatura appropriata”. Attualmente sono già  trentatré gli aerei ad avere a disposizione questo servizio.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 403 – febbraio 2010

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale