Io non ci sto

“Anche noi riceviamo telefonate del tipo: potremmo organizzare un servizietto con quella velina per incastrare il tal politico… Ma un conto è documentare una cosa reale. Altro è prefabbricare, costruire trappole”. Fabrizio Chiarini, amministratore unico dell’agenzia fotografica Olycom (8 milioni di euro di fatturato annuo, 200 fotografi rappresentati, un archivio di 10 milioni di immagini), prende nettamente le distanze dai ‘nuovi barbari del fotogiornalismo’.
“Noi, come del resto la maggioranza delle agenzie e dei fotogiornalisti italiani, facciamo un lavoro serio, che con lo squallore e il degrado di queste vicende non c’entra nulla”, afferma Chiarini. “Anche negli anni Cinquanta e Sessanta ci sono stati servizi fatti e mai pubblicati. Ma la differenza è trasformare questa cosa in core business. Questi fanno le foto non per pubblicarle ma per venderle al prezzo più alto ai soggetti che hanno fotografato”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 403 – febbraio 2010

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale