Nel cuore della città 

“C’è uno spazio su Roma che non è solo la politica ma anche la cronaca. Cronaca che puoi anche interpretare in senso politico. Su questa idea cercherò di costruire un giornale nuovo, molto concentrato sulla capitale e sulle zone di tradizionale diffusione come l’Abruzzo e il Molise”. Il nuovo direttore del ‘Tempo’, Mario Sechi, descrive così il suo progetto di quotidiano.
“Io penso”, prosegue Sechi, “che i giornali del futuro siano di due tipi: i giornali d’opinione destinati ad avere una diffusione più limitata di quella che hanno oggi (‘La Repubblica’, ‘Il Giornale’, ‘Il Fatto’, eccetera). Poi i giornali che possono avere identità  e territorio. L’identità  è la tradizione del ‘Tempo’ che però non basta a garantire la sopravvivenza. È sul radicamento nel territorio che bisogna lavorare: Roma, il Molise, l’Abruzzo, Latina”.
Per quanto riguarda la politica, Sechi intende dare una lettura originale delle cose del Palazzo, non necessariamente urlata, e soprattutto cercare di dipingere gli scenari futuri del Paese. “Mi piacerebbe”, dice, “aprire un dibattito sulla leadership futura del Pdl, un partito che ha un leader carismatico, ma che senza di lui si sarebbe probabilmente già  squagliato. Gianni Alemanno, per esempio, è un nome promettente ed è il sindaco della capitale. Chi meglio del ‘Tempo’ lo può raccontare?”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 403 – febbraio 2010

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia