EDITORIA: SECHI, NUOVO DIRETTORE ‘TEMPO’ “FARà’ GIORNALE MOLTO ROMANO”

EDITORIA: SECHI, NUOVO DIRETTORE ‘TEMPO’ “FARà’ GIORNALE MOLTO ROMANO”
ROMA (ITALPRESS) – “C’e’ uno spazio su Roma che non e’ solo la politica ma anche la cronaca. Cronaca che puoi anche interpretare in senso politico. Su questa idea cerchero’ di costruire un giornale nuovo, molto concentrato sulla capitale e sulle zone di tradizionale diffusione come l’Abruzzo e il Molise”. Il nuovo direttore del ‘Tempo’, Mario Sechi, descrive cosi’ il suo progetto di quotidiano, in un’intervista pubblicata sul numero di febbraio di ‘Prima Comunicazione’, in edicola a Milano da domani e a Roma e nel resto d’Italia da mercoledi’ 24 febbraio.
“Io penso – prosegue – che i giornali del futuro siano di due tipi: i giornali d’opinione destinati ad avere una diffusione piu’ limitata di quella che hanno oggi (‘La Repubblica’, ‘Il Giornale’, ‘Il Fatto’, eccetera). Poi i giornali che possono avere identita’ e territorio. L’identita’ e’ la tradizione del ‘Tempo’ che pero’ non basta a garantire la sopravvivenza. È sul radicamento nel territorio che bisogna lavorare: Roma, il Molise, l’Abruzzo, Latina”.
Per quanto riguarda la politica, Sechi intende dare una lettura originale delle cose del Palazzo, non necessariamente urlata, e soprattutto cercare di dipingere gli scenari futuri del Paese. “Mi piacerebbe – dice – aprire un dibattito sulla leadership futura del Pdl, un partito che ha un leader carismatico, ma che senza di lui si sarebbe probabilmente gia’ squagliato. Gianni Alemanno, per esempio, e’ un nome promettente ed e’ il sindaco della capitale.
Chi meglio del ‘Tempo’ lo puo’ raccontare?”.
(ITALPRESS).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari