GIORNALISTI: ASSOSTAMPA SICILIA A CONGRESSO SULLE NUOVE SFIDE

GIORNALISTI: ASSOSTAMPA SICILIA A CONGRESSO SULLE NUOVE SFIDE
(AGI) – Palermo, 23 feb. – “Giornalisti in Sicilia: il percorso delle sfide sindacali. Un sindacato piu’ forte per una professione che cambia”. Questo il tema del XXXI congresso regionale dell’Associazione siciliana della stampa, riunito da ieri pomeriggio a Terme Vigliatore (Messina). I Lavori, presieduti da Giorgio Di Nuovo, presenti, tra gli altri, il presidente e il segretario della Federazione nazionale della stampa italiana Roberto Natale e Franco Siddi, sono stati aperti dalla relazione del segretario regionale uscente Alberto Cicero che ha delineato la situazione giornalistica. “La sfida dei giornalisti e’ contro coloro che vogliono demolire la professione, a chi ci ritiene superflui o addirittura fastidiosi”, ha detto Cicero che ha trattato le varie emergenze: dalla crisi delle aziende editoriali, carta stampata e televisioni, in primo luogo, alle vertenze sugli uffici stampa negli Enti locali, dai nuovi giornalismi (on line e altro) alla realta’ dei “giornalisti invisibili”. La relazione, che non e’ stata solo il consuntivo dei tre anni di attivita’ trascorsi dal precedente congresso di Capo d’Orlano, ha ipotizzato anche gli scenari futuri. I temi della relazione di Cicero sono stati ripresi e condivisi da Roberto Natale, presidente della Fnsi. I lavori proseguiranno con gli interventi previsti, tra gli altri, dei vertici della Casagit e dell’Inpgi; di Daniela Stigliano, vice segretario nazionale della Fnsi, Dipartimento lavoro autonomo, e di Caterina Chinnici, assessore regionale alle Autonomie locali. (AGI) Mrg/Mzu

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari