TLC: DOPO 5 ANNI CRESCITA, 2009 FRENATA MERCATO TELEFONIA

TLC: DOPO 5 ANNI CRESCITA, 2009 FRENATA MERCATO TELEFONIA
RAPPORTO GFK DIGITAL WORLD, ULTIMO TRIMESTRE SPINTA SMARTPHONE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 23 FEB – Il 2009 ha segnato una brusca frenata nella crescita del mercato globale della telefonia chiudendo con una flessione del 4%, pari alla vendita di 50 milioni di unità  in meno rispetto al 2008. Giunto dopo cinque anni di crescita del settore, il calo avrebbe potuto essere anche maggiore se non fosse stato per le vendite degli ultimi tre mesi e per la spinta positiva del segmento smartphone. Il bilancio è contenuto nel rapporto GfK Digital World, realizzato da GfK Retail and Technlogy e dalla US Consumer Electronics Authority. A fare da traino al business globale è stato il mercato asiatico di cellulari e smartphone, che ha raggiunto 456 milioni di unità  vendute (+1%) per un equivalente di 47,5 miliardi di euro (-8% rispetto al 2008). Una crescita, in termini di volumi, dovuta principalmente a una ripresa delle vendite negli ultimi tre mesi dell’anno (+7%, +9%, +16%) rispetto agli stessi mesi del 2008. Le buone performance degli smartphone hanno fatto registrare una crescita a tre cifre per quasi tutto il 2009. Trend simili anche nell’Europa occidentale, con 162 milioni di unità  vendute (-3% rispetto al 2008) e 27 miliardi di euro in valore (-6%). Bene gli ultimi tre mesi e gli smartphone la cui crescita (+109%) ha compensato la flessione dei cellulari (- 25%). Il mercato italiano ha chiuso l’anno in pari a volume e con un -4,5% per quanto riguarda il valore. In recupero l’ultimo trimestre (+1%) supportato dalla crescita a tre cifre degli smartphone. (ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci