INTERNET: PE; PERSI 2,5 MLN POSTI LAVORO A CAUSA PIRATERIA

INTERNET: PE; PERSI 2,5 MLN POSTI LAVORO A CAUSA PIRATERIA
DA DOWNLOAD ILLEGALI MANCARI RICAVI IN ITALIA PER 300 MLN ANNO
BRUXELLES
(ANSA) – BRUXELLES, 23 FEB – A causa di pirateria e contraffazione si sono persi nel mondo 2,5 milioni di posti di lavoro nell’ultimo anno e i Paesi del G20 hanno perso cifre vicine ai 100 miliardi di euro all’anno. E’ tempo quindi di trovare una soluzione senza soffocare le possibilità  date dalle nuove tecnologie: questo l’appello lanciato oggi dal forum sulla pirateria organizzato al Parlamento europeo dalla federazione europea degli autori. Il download illegale di film e musica ha superato, in ricavi mancati per gli autori, il giro d’affari di cd e dvd contraffatti, e in Italia – secondo l’associazione dei fonografici – fa danni pari a 300 milioni di euro all’anno. Ma la colpa non è delle tecnologie, sottolineano gli esperti presenti al forum, perché peer-to-peer e software di file sharing possono essere usati per ottenere contenuti legali e sono la base di applicazioni come la web tv e l’iptv. L’obiettivo è ora capire come proteggere i diritti d’autore, anche studiando una normativa europea che armonizzi le diverse strategie nazionali. Al forum, presieduto dall’eurodeputato Raffaele Baldassarre (Ppe), ha partecipato anche l’eurodeputata Iva Zanicchi.(ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti