Editoria

01 aprile 2010 | 13:29

EDITORIA: MEDIACOOP, INACCETTABILE STOP AGEVOLAZIONI POSTALI

EDITORIA: MEDIACOOP, INACCETTABILE STOP AGEVOLAZIONI POSTALI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 1 APR – “Un provvedimento inaccettabile e sbagliato sia nel metodo che nel merito, contro il quale ci batteremo con la convinzione di vivere ancora in uno Stato di diritto”: è il commento di Mediacoop, Associazione delle Cooperative Editoriali e della Comunicazione, alla soppressione a partire da oggi, stabilita con un decreto interministeriale del 31 marzo, delle tariffe postali agevolate: “un altro duro colpo all’editoria che sta attraversando una difficile congiuntura a tutti ben nota, Governo compreso”. “Il provvedimento – sottolinea Mediacoop in una nota – è inaccettabile nel metodo, perché non è possibile cambiare dall’oggi al domani le regole in corso e, per di più, senza alcun preavviso e confronto, senza tener conto dei rapporti contrattuali esistenti, che coinvolgono editori, operatori ed abbonati, sui quali si agisce retroattivamente. Ed è sbagliato nel merito, perché si doveva dare attuazione alle norme vigenti che stabiliscono la compensazione per Poste Spa fino alla tariffa praticata ai loro migliori clienti: ciò avrebbe consentito di ottenere i risparmi necessari per ridurre il fabbisogno e di evitare un altro durissimo colpo all’editoria”. Secondo Mediacoop, occorre “porre riparo rapidamente a tale improvvida decisione, perché gli aggravi economici che produce ricadono immediatamente sugli editori, gran parte dei quali, piccoli e medi, non sono in grado di sostenerli, né esistono le condizioni di mercato per trattare direttamente con Poste il costo delle spedizioni, con il rischio reale di dover cessare le pubblicazioni”. (ANSA).
COM-MAJ/ S0A QBXB