Editoria

02 aprile 2010 | 14:57

EDITORIA: BONANNI, NO A SOPPRESSIONE AGEVOLAZIONI POSTALI

EDITORIA: BONANNI, NO A SOPPRESSIONE AGEVOLAZIONI POSTALI
(AGI) – Roma, 2 apr. – “Il decreto che sopprime le tariffe agevolate postali per tutta l’editoria rischia di provocare la chiusura di tante testate importanti con gravi ripercussioni sull’occupazione. Il ministro Tremonti, che e’ persona saggia e responsabile, deve ripensarci”. Scende in campo anche il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, contro il decreto interministeriale sulle tariffe postali agevolate per l’editoria. “Questo e’ un provvedimento che colpisce in maniera indiscriminata tutta l’editoria italiana. Ma non si puo’ fare di tutta un’erba un fascio. Una cosa sono le pubblicazioni commerciali e a fini di lucro, un’altra cosa sono le testate no profit, sindacali e di cooperative che senza queste agevolazioni postali pagheranno un costo salatissimo per continuare a diffondere le proprie pubblicazioni tra i propri iscritti”, sottolinea il leader della Cisl. “Tra l’altro, un provvedimento di tale natura, avrebbe dovuto essere quantomeno discusso e condiviso con le parti sociali, per le inevitabili ricadute economiche ed occupazionali che esso potra’ determinare per la sopravvivenza di tante testate libere ed autonome della societa’ italiana. Mi auguro che il Governo voglia rimediare a questa forzatura, ripristinando le agevolazioni postali”, conclude Bonanni. (AGI) Mau