Editoria

06 aprile 2010 | 15:02

EDITORIA: CGIL-CISL-UIL, NO A SOSPENSIONE TARIFFE AGEVOLATE

EDITORIA: CGIL-CISL-UIL, NO A SOSPENSIONE TARIFFE AGEVOLATE
SI APRA SUBITO CONFRONTO CON GOVERNO E IMPRENDITORI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 6 APR – No di Cgil, Cisl e Uil al decreto adottato dai ministeri dello Sviluppo economico e dell’Economia che dal mese di aprile 2010 abolisce le tariffe postali agevolate per tutta l’editoria libraria, quotidiana e periodica. In una nota, Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil esprimono “contrarietà  alla misura che scarica sugli editori l’onere della differenza tra la tariffa piena e quella agevolata finora a carico dello Stato. Le ricadute economiche del decreto andranno a colpire ulteriormente la filiera della comunicazione (carta, stampa editoria) – sottolineano i sindacati – già  sconvolta da una fortissima crisi caratterizzata da un calo notevole di fatturati e volumi, all’interno di una trasformazione strutturale del modo di fruire dei vari mezzi e supporti di informazione la cui evoluzione non è ancora prevedibile. E’ l’ennesima iniziativa che penalizza il settore dell’editoria in assenza di un confronto fra le parti interessate su un progetto di riforma sempre annunciato e mai realizzato”. Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil, “nell’esprimere la loro preoccupazione per i livelli occupazionali della filiera della comunicazione già  fortemente compromessi, chiedono al governo e alle associazioni imprenditoriali di categoria l’apertura immediata di un confronto sul decreto per l’adozione di soluzioni sostenibili per tutti i soggetti interessati e, contestualmente, la costituzione di un tavolo permanente che interessi tutta la filiera della comunicazione”. (ANSA).
COM-MAJ/ S0A QBXB