Editoria

07 aprile 2010 | 15:21

Apc-Editoria/ Il no profit contro l’aumento delle tariffe postali

Apc-Editoria/ Il no profit contro l’aumento delle tariffe postali
Per il settore le spese d’invio sono cresciute di circa il 500%

Milano, 7 apr. (Apcom) – Sono oltre 3mila le firme raccolte da vita.it (il portale di Vita, magazine del non profit) contro l’aumento delle tariffe postali. La decisione del governo del 30 marzo ha stabilito che le “tariffe agevolate per le spedizioni di prodotti editoriali continuano ad applicarsi fino al 31 marzo”. A farne le spese in particolare il non profit, per il quale, in una sola notte, le spese postali sono cresciute di circa il 500%. Da qui la mobilitazione delle più importanti sigle del Terzo settore che in poche ore hanno siglato la petizione di Vita.it (“Contro l’aumento delle tariffe postali, scaricabile dall’indirizzo: http://www.vita.it/news/view/102170).

“Se fino al 31 marzo spendevamo 5mila euro per spedire il nostro notiziario, ora dobbiamo preventivarne 22mila”, attacca Marilena Albanese di Amnesty. “Il 50% delle donazioni che raccogliamo proviene da sostenitori regolari con i quali comunichiamo tramite posta. Ma un fatto è certo: siamo tutti danneggiati” gli fa eco Daniela Fatarella di Save the Children.

Vita magazine raccoglie fra gli altri anche gli sfoghi della collaboratrice di don Verzè, Lisa Orombelli, responsabile marketing della fondazione Aretè del San Raffaele di Milano e del segretario della Lega del Filo d’oro Rossano Batoli che non usa mezze misure: “Questo è un colpo mortale”. Anche perchè – nota il settimanale – il provvedimento del governo arriva proprio alla vigilia del mailing per le campagne del 5 per mille relative alla dichiarazione dei redditi 2009″.

Red/Gfp

071617 apr 10