Editoria

08 aprile 2010 | 15:30

EDITORIA: GIORNALISTI-PROGRAMMATORI, ECCO FUTURO NEWS / ANSA

EDITORIA: GIORNALISTI-PROGRAMMATORI, ECCO FUTURO NEWS / ANSA
DAL 2011 LAUREA COLUMBIA UNIVERSITY,SFIDA A MEDIA-DIGITAL DIVIDE
ROMA
(di Titti Santamato) (ANSA) – ROMA, 8 APR – Il termine multimedialità  non basta più. Le redazioni del futuro puntano a ninja interdisciplinari in grado di padroneggiare con la stessa abilità  giornalismo e informatica spinta: a raccogliere questa sfida, per prima, è la Columbia University che lancia dal 2011 un corso di laurea che ha l’ambizione di abbattere la barriera tra redattori e professionisti delle tecnologie. “Il Dipartimento di Information Technology mette a punto software che i giornalisti non usano, i giornalisti chiedono software non realizzabili dal punto di vista informatico. Vogliamo formare una nuova generazione di professionisti in grado di capire entrambi i settori”, ha spiegato a Wired.com. Julia Hirschberg, professore di informatica presso la Columbia Fu Foundation School di Ingegneria e Scienze applicate. La prima tornata di candidature verrà  accettata a partire da questo autunno, saranno 15 i partecipanti ammessi a questo corso che si spinge decisamente più in là  rispetto a quelli di giornalismo multimediale e social media, con cui oramai scuole e università  hanno sintonizzato i loro programmi alla realtà  costantemente online in cui siamo immersi. Questo programma interdisciplinare prevede due semestri presso la Scuola di Giornalismo della Columbia e tre alla Scuola di Ingegneria e Scienze Applicate, sempre dell’università  newyorkese. Tra i moduli di ricerca in cui si cimenteranno professori e studenti, c’é quello che riguarda il ‘giornalismo automatizzato’ (individuare attività  di routine da affidare alle tecnologie per liberare tempo utile ad approfondimento, interviste e scrittura); ma anche la ‘visualizzazione dei dati’, con cui si raccontano le notizie soprattutto in tv (schermi sempre più grandi e processori più veloci). C’é pure il modulo ‘analisi approfondita dei dati’, sepolti in rete e nei database (per sintetizzare “i dati grezzi ma rilevanti” presenti anche su Twitter). C’é poi un corso che cercherà  di individuare una nuova ‘architettura’ di trasferimento notizie ai dispositivi mobili come i cellulari; un altro che mira, grazie all’invenzione di un software, a ‘fiutare’ notizie come epidemie e catastrofi a volte tenute volutamente basse; un altro ancora, ‘digital trust’, aiuta a distinguere nel marasma del web, sempre con l’uso delle tecnologie, le notizie più accurate. “Alcuni studenti che escono dalle scuole superiori o dalle università  hanno delle abilità  tecniche, ma il loro raggio d’azione si ferma alla capacità  di utilizzare Wikipedia, Facebook, Gmail o alimentare siti web”, ha sottolineato il professor Bill Grueskin, decano della Columbia School of Journalism a Wired online. “Ci auguriamo e ci aspettiamo – ha aggiunto – che i laureati di questo corso siano in grado di innovare di più e creare soluzioni di business così disperatamente urgenti nel settore dell’editoria”. (ANSA).
SAM/ S0A ST3 QBXB